Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
logo artevox

VOLO 903. EMIL ZATOPEK: IL VIAGGIO DI UN ATLETA

"Se vuoi vincere corri i 100, se vuoi vivere corri la maratona"

Fotografie di Roberto Finizio

Progetto di Stefano Annoni
da una suggestione di Renata Molinari
testo di Maddalena Mazzocut-Mis
con Stefano Annoni e Daniele Gaggianesi
regia di Massimiliano Speziani
assistente alla regia Anna Maini
disegno luci Marco Grisa
direttrice di produzione Marta Galli

Una produzione ArteVOX Teatro e Teatro Sociale di Como
in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano
con il patrocinio di C.O.N.I. Lombardia
media partner Gazzetta dello Sport
un particolare ringraziamento a Almostthere.eu

Helsinki, 1952: è con il numero 903 che Emil Zàtopek vince tre medaglie d'oro e batte i record olimpici nei 5.000 mt, 10.000 mt e nella maratona.
Impresa unica, memorabile, quella maratona che decide di correre all'ultimo momento: "Se vuoi vincere corri i cento, se vuoi vivere corri la maratona".
Vive Emil, con coraggio, ostinazione, fatica. Si contrae, si contorce, soffre, ansima, sbuffa, digrigna e stride come una locomotiva. La locomotiva umana. Nessuno stile, tutta forza.
Corre Emil, anche nella vita, attraverso la storia della Cecoslovacchia.
Corre, anche quando il regime lo confina in Siberia ai lavori forzati, per aver chiesto un Socialismo dal volto umano, firmando il Manifesto delle Duemila Parole durante la Primavera di Praga nel 1968.
Anche quando, rimpatriato, lo mettono a fare il netturbino e tutti escono sui balconi per vederlo. Zàtopek ancora, dietro il camion della spazzatura, corre.
Conoscitore del dolore e capace di sconfiggere la sofferenza in gara e fuori dalle competizioni, Emil Zàtopek ama correre e vincere.
Questo lo distingue da tutti. Ma distinguersi nel suo Paese è una pericolosa inclinazione, che va normalizzata.
Sulla scena prende vita una sorta di processo onirico.
 Ad animarlo due attori, di fronte al pubblico, testimone silente. L'aula del processo: un'arena, una pista da corsa, uno stadio olimpico, un teatro.
Il resto è nelle gambe, nel respiro, nella fatica di una corsa, la corsa di una vita, la vita di Emil Zàtopek.

presentazione
PRESENTAZIONE

tecnica
SCHEDA TECNICA

rassegna
RASSEGNA STAMPA
photo
FOTOGRAFIE DI SCENA
locandina
IL MANIFESTO


  • "Bravi gli attori, Annoni e Daniele Gaggianesi;
    benchè prestanti, la loro non è una prova di forza, ma di velluto."

    Camilla Tagliabue, Il Fatto Quotidiano

  • "Dalla periferia al centro: Marta Galli, direttrice di una piccola casa di produzione di Vimercate,
    taglia il traguardo e arriva al Piccolo.
    Non male, degna di un vero maratoneta."

    Angela Villa, Dramma.it

Richiedi lo Spettacolo

Siamo a tua disposizione
per fornirti tutte le informazioni necessarie

phone
+39 333 296 2935
email
info(at)artevoxteatro.it
fb
facebook

Contattaci     +39 333 296 2935     info(at)artevoxteatro.it      facebook      twitter     youtube      iscriviti alla newsletter